“E pall ‘e riso” – con piselli Vitale ®

“E pall ‘e riso” – con piselli Vitale ®

TEMPO: Medio

DIFFICOLTÀ: Medio/Alta

PERSONE: 5

INGREDIENTI

Ingredienti per circa 15 “Pall ‘e riso” :

  • 400 g di riso
  • 1 litro di acqua o di brodo (circa)
  • 4 uova
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • sale
  • pepe

Per il ripieno:

  • 250 gr di carne macinata
  • 1/2 cipolla
  • 1 carota
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 50 gr di piselli Vitale ®
  • 2 cucchiai di salsa di ciliegino Vitale ®
  • 50 gr di fior di latte o di provola
  • sale
  • pepe

Per la panatura:

  • 2 uova sbattute
  • farina
  • pan grattato
  • olio per friggere

RICETTA

“E pall ‘e riso” sono un must dello street food napoletano.

1. Portare ad ebollizione l’acqua (regolata di sale) o il brodo in un tegame. Cuocere per circa 20 minuti il riso fino ad assorbimento del liquido di cottura. Pochi minuti prima di completare la cottura aggiungere 1 cucchiaio di salsa di ciliegino Vitale ®.
Togliere il riso dal fuoco e lasciarlo intiepidire, quindi aggiungere le uova mescolando velocemente il burro e il parmigiano. Lasciare raffreddare e riposare il composto.

2. Preparare quindi il ripieno.
Tritare la cipolla, la carota e farle imbiondire in un tegamino con due cucchiai d’olio EVO. Quando la cipolla sarà imbiondita, unire la carne macinata, sfumarla con il vino bianco poi unire i piselli Vitale ®, unire ancora un cucchiaio di salsa di ciliegino Vitale ® .
Regolando con sale e pepe, lasciare insaporire il composto per una decina di minuti.

3. Procedere alla composizione delle palle di riso.
Con le mani unte di olio, per facilitare la modellazione, prendere circa 70 gr di riso e spianarlo nel palmo della mano.
All’interno, mettere parte della carne con i piselli Vitale ® e un pezzetto di provola. Richiudere fino ad ottenere una palla omogenea, facendo attenzione a ricoprire con il riso tutto il ripieno. Passare, quindi, “E pall ‘e riso” così ottenute prima nella farina, quindi nell’uovo ed infine nel pangrattato.
Friggere in abbondante olio bollente fino a quando non saranno dorati.

adminomeno
Share
This

Post a comment